Blog - Medianew

your satisfaction, is our passion
Media Blog
Media Blog
Media Blog
Media Blog
Vai ai contenuti

I NUOVI MILIARDARI STANNO COSTRUENDO LE LORO UTOPIE SENZA IL NOSTRO PERMESSO

Medianew
Pubblicato da in Technology ·
Elon Musk e Jeff Bezos stanno confezionando il futuro dell'umanità e nessuno può fare granché per partecipare.

S.A. Applin per Motherboard

S. A. Applin, Ph.D. è un'antropologa il cui lavoro di ricerca esplora i campi dell'azione umana, gli algoritmi, l'intelligenza artificiale e l'automazione, nel contesto dei sistemi sociali. Potete seguirla a @anthropunk.

I miliardari del settore della tecnologia hanno in comune un sacco di soldi, visioni specifiche del loro (e nostro) futuro, e una serie di hobby competitivi — e molto costosi. Le loro idee di utopia possono differire dalle nostre, ma il punto è che solo loro hanno i mezzi per realizzarle, senza il bisogno di suggerimenti da parte nostra.

Il saggio The New New Thing, scritto nel 1999 da Michael Lewis, documentava la storia del titano di Silicon Valley Jim Clark. Clark ha fondato Silicon Graphics e Netscape, il che l'ha reso molto ricco. Ha impiegato parte dei suoi guadagni nella creazione della barca a vela più veloce del mondo. Per un po', lui e Larry Ellison, fondatore di Oracle, hanno gareggiato per quel titolo — gli alberi maestri diventavano sempre più alti e gli scavi sempre più lunghi (non ridete).

Clark ha munito la sua barca con le tecnologie più innovative dell'epoca e chi la vedeva la paragonava all'astronave di Star Trek. Ellison fece uguale. Il libro offre uno sguardo spettacolare nella Silicon Valley degli anni Novanta, con una rete fiorente e una società non ancora assorbita dall'uso degli smartphone — probabilmente solo perché non erano ancora stati inventati — ed enormi patrimoni e poteri acquisiti con lo sviluppo del settore tecnologico. In questo libro, il mare è la frontiera dell'utopia sia per Clark che per Ellison, e il terreno di gioco su cui i due misuravano le proprie competenze — tecnologiche e non solo — uno contro l'altro.

Oggi, per i miliardari Elon Musk e Jeff Bezos il terreno di scontro è lo spazio. Può darsi che nessuno dei due abbia il pallino dell'oceano, o magari hanno impiegato le proprie ricchezze per soddisfare diversi sogni, fatto sta che la vera competizione tra i due si gioca sul finanziamento privato dell'esplorazione spaziale.


The Boring Company | Tunnels

La competizione è uno degli aspetti di questi 'hobby' dell'élite dei miliardari tech. Un altro è la spinta verso la realizzazione di una visione utopica — e alle volte le due cose coincidono. Musk parla da tempo e in modo esplicito di portare l'umanità su Marte e ha attirato la simpatia di Buzz Aldrin, il secondo astronauta ad aver camminato sulla luna. Aldrin gira per il mondo indossando magliette che recitano lo slogan "Porta il tuo culo su Marte!" e l'obiettivo della sua ShareSpace Foundation è sostenere missioni future verso Marte munite di equipaggio, inviando nello spazio giovani menti desiderose di esplorare. Aldrin non è un capitano di industria, ma può darsi che con le missioni Apollo, abbia contribuito a piantare il seme della visione utopica che ha ispirato Musk e Bezos a seguire il suo esempio tempo dopo. Con SpaceX, Musk sta lavorando sodo per costruire i pezzi meccanici che "rivoluzioneranno la tecnologia spaziale, con l'obiettivo ultimo di permettere alle persone di vivere su altri pianeti," e Jeff Bezos sta sviluppando razzi tanto per un questione di "cultura dell'innovazione metodica e dell'esplorazione," che per una "visione in cui milioni di persone vivono e lavorano nello spazio."

Un'Utopia desiderabile è tale perché implica la volontà di sfuggire a un presente insostenibile. Questa fuga può concretizzarsi in due modi. Nel primo, il luogo dove si è viene migliorato. Per esempio, possiamo immaginare un luogo senza malattie dell'infanzia, con fonti di acqua sempre pulita, con sistemi di educazione e sanità funzionanti – e possiamo lavorare per realizzare questi obiettivi utopici. Alcuni miliardari, come Bill Gates, credono in questo tipo di utopia, finanziando ricerche e progetti scientifici per aiutare milioni di persone sulla Terra.

Il secondo modo per sfuggire dai problemi è rimuovere sé stessi dal quadro. Per le persone le cui case sono bombardate e rese irriconoscibili, che sono sopravvissute alla guerra ma hanno perso qualsiasi parvenza di società strutturata, il concetto di utopia potrebbe essere un bagno caldo in una casa sicura in una città con un governo funzionante e senza conflitti. Per altri, l'utopia potrebbe essere un viaggio a Las Vegas e una buona somma da scommettere, o un viaggio alle Hawaii o due settimane al Burning Man. Per altri ancora, l'utopia potrebbe essere rappresentata da un bunker anti-atomico in Nuova Zelanda, una smart city a Toronto, il controllo su parlamentari e senatori, un tunnel per aiutarli a evitare il traffico, un'ala dell'aeroporto tutta per loro, o, per chi è veramente ricco, la possibilità di scappare su un altro pianeta.

In un certo senso, ognuno di noi reitera visioni utopiche, lavorando per migliorare se stesso o la comunità, o sognando di trovare una via di fuga. Dipende da come concentriamo le intenzioni verso ciò che desideriamo. Il gioco cambia, però. quando le persone che hanno le risorse per farlo iniziano all'improvviso a realizzare quei cambiamenti nelle loro visioni utopiche, e la realizzazione di quelle visioni potrebbero entrare in conflitto con quelle di chi ha meno soldi e potere per poter realizzare le proprie utopie.

Per esempio, Elon Musk ha iniziato a costruire il prototipo di un tunnel a Los Angeles. Con la Boring Company, vuole realizzare un tunnel lungo oltre 27 km che va dalla San Fernando Valley di Los Angeles all'aeroporto internazionale della città. Ci sono diverse ragioni per cui non sarebbe una buona idea, dall'impatto sull'ambiente alle preoccupazioni per i diritti di proprietà sulla terra occupata. Altri hanno suggerito che non sarebbe una soluzione pratica per la zona e che avrebbe molto più senso costruire una "ferrovia leggera" fino all'aeroporto, da cui più persone trarrebbero vantaggio. Musk ha liquidato la questione perché non vuole niente di "pubblico," stesso motivo per cui preferisce evitare le altre persone sui mezzi di trasporto e si aspetta che per gli altri sia la stessa cosa.


The Boring Company Information Session

Giovedì scorso, Musk ha descritto il suo nuovo piano per migliorare la viabilità di Los Angeles, "Se scavassimo centinaia di tunnel, con una grande quantità di piccole stazioni, intrecciati al tessuto stesso della città, potremmo risolvere — senza cambiare l'aspetto della città — il problema dei trasporti."

Musk ha parlato di costruire una serie di Loop e hyperloop intersecati (ovvero: un sistema di metro privatizzato), sotto il sistema di trasporti pubblico delle strade. Sta già prendendo accordi per costruire il tutto con il benestare di politici e governo locale, per un test pilota. Le persone non sembrano essere parte di questo piano. Si tratta di un' "innovazione dirompente" nel senso peggiore del termine, che cerca uno spazio sotterraneo edificabile altro da quello di un sistema che funziona già. Per accedervi, Musk dovrà plausibilmente fermare il traffico nei punti in cui il progetto prevederà degli scavi. Ha scelto una sezione di Sepulveda Boulevard, una delle arterie principali di Los Angeles, per questo esperimento — e sembra che i cittadini non abbiano alcun diritto di parola.

È l'ultima frase che ci deve far fermare un attimo: quando persone con patrimoni straordinari — e relativi poteri — danno per scontato i bisogni e i desideri degli altri, dunque le utopie personali di queste persone, la presunzione diventa problematica e causa conflitto. Sfortunatamente per chi non dispone di grandi ricchezze, le persone con poteri e risorse hanno più probabilità degli altri di realizzare le proprie utopie, e alcuni di noi possono soffrire conseguenze negative per colpa dei sogni altrui. Molte persone scelgono di allinearsi con le visioni di qualcun altro per poter prendere parte a un futuro immaginato.

Il sogno di Jeff Bezos è far diventare Amazon "l'azienda più cliente-centrica del mondo, dove i clienti possono trovare e scoprire qualsiasi cosa vogliano comprare online, e che si sforza di offrire ai suoi clienti i prezzi più bassi possibile."

Per realizzare questo proposito, Amazon ha sistematicamente eliminato la competizione nelle comunità locali, offrendo prezzi più bassi e/o più selezione nei beni venduti, da quelli di fascia bassa a quelli di fascia alta. Questo ha colpito l'esperienza delle persone nella propria comunità, e cambiato il modo in cui si procuravano oggetti non più disponibili localmente. Le attività sono andate in fallimento o hanno modificato i propri piani di mercato per funzionare via Amazon, cedendo un pezzo dei propri profitti e lavorando "per" un'altra organizzazione, mentre prima erano autonome. I clienti lavorano con costrutti algoritmici per acquistare beni e non interagire più con le vite umane che si incontrano andando fisicamente in un negozio. Tutti questi cambiamenti si intersecano con le visioni altrui di cosa dovrebbe essere l'utopia, esattamente come il desiderio di Elon Musk per la propria utopia si interseca con ciò che le persone potrebbero desiderare per il proprio trasporto giornaliero.

Un modo per sopravvivere è unirsi a loro, e molte persone scelgono di allinearsi con le visioni di qualcun altro per poter prendere parte a un futuro immaginato, che dia loro un senso di partecipazione anche se non hanno possibilità pratica di partecipare direttamente alla sua costruzione.

Ad aprile, la Camera degli Stati Uniti ha passato un Atto secondo cui, "lo spazio non deve essere considerato un bene comune." Questo significa che per tutti noi, a meno che non vivi negli Stati Uniti e sei incredibilmente ricco, non è permesso includere lo spazio nella nostra utopia personale — perché appartiene ai ricchi, che in questo momento equivale a dire SpaceX e Blue Origin.

Sarà interessante vedere come questi titani si divideranno la conquista dello spazio, e se — là fuori nello spazio profondo o meno — ci sarà spazio perché le visioni utopiche di ognuno di loro possano coesistere.



Via Quartieri 11/13 - Santo Stefano di Camastra - [98077 - Messina]
Partita IVA 02039470832 - C/F RCCPTR71T12I199H - REA 167974
Phone +39 [0921] 331443 - Mail info@medianew.it

© Media di Pietro Ricciardi
Via Quartieri 11/13
Santo Stefano di Camastra - [98077 - Messina]
Partita IVA 02039470832 - C/F RCCPTR71T12I199H
Phone +39 [0921] 331443 - Mail info@medianew.it
© Media di Pietro Ricciardi
Torna ai contenuti